Principi

Bruno Munari inaugura l'attività didattica del Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci con i laboratori "Giocare con l'arte"

I bambini sono tutti diversi occorre dare a ognuno un metodo perché possa: fare e produrre immagini, osservarle e capirle; progettare qualcosa che comunichi a qualcuno un messaggio.

Il bambino è attento più alle azioni che alle parole, le tecniche grafico-pittoriche vanno mostrate, fissate e imitate attraverso le azioni.

Il bambino desidera fare ciò che ha visto fare. L’adulto aiuta a capire le tecniche e stimola il desiderio delle variazioni.

Il bambino va seguito nel suo lavoro e va aiutato su “come” si fa affinchè possa realizzare il suo progetto. L’adulto attraverso la comunicazione verbale aiuta il bambino a pensare, ad osservare e analizzare i contenuti che vorrebbe rappresentare.

È bene che ogni bambino compia un’analisi di ciò che ha fatto per ricostruire il processo di realizzazione e valutarne la riuscita.

Le forme rappresentate dal bambino possono essere variate creativamente se si inseriscono variabili contestuali; per esempio un albero d’inverno, dopo il temporale, quando c’è vento, con i rami verso il basso, etc…